Passa ai contenuti principali

Appuntamenti sul web: sì, ma non è quello che state pensando...


Non so se vi è mai capitato di avere un appuntamento sul web. 
E non sto parlando di siti per incontri più o meno amorosi (ma possiamo nominare l'Amore così invano?!).
Mi riferisco a quegli appuntamenti che non nascono come tali, ma che poi pian piano lo diventano, quasi senza che ce ne accorgiamo.
Mi riferisco a quel messaggio su Facebook o su Twitter che, aprendo la posta la mattina, con una sicurezza pari a quella di Davide quando lanciò la pietra in fronte Golia, ci aspettiamo di trovare. Prima era Msn, con quella finestra che si apriva e le sue mille emoticon, poi sono venuti i social network più avanzati (e più fighi, diciamoci la verità!).

Ebbene, devo confessarvi che anche io ho il mio appuntamento fisso sul web. E anche più di uno, dipende dal periodo.
Mi spiego meglio: i miei appuntamenti sono con le pagine e con le persone che seguo sui diversi social.  Avevate pensato a qualche tresca libidinosa, eh?! Mal pensanti!

Innanzitutto, sto cercando di cliccare "mi piace" solo alle pagine Facebook che davvero mi piacciono e di "seguire" su Twitter solo le cose di cui veramente voglio rimanere aggiornata. Ultimamente - complice le lunghe giornate e la poca voglia di uscire - mi sono resa conto che, quasi senza accorgermene, dedico una precisa fascia oraria ad ogni argomento.

Volete qualche esempio, immagino.
La mattina, ovviamente, corro a controllare i messaggi e le mail: non sempre gli appuntamenti fissi in questo senso sono piacevoli (a volte sono puntuali e piacevoli come un'insolazione ad agosto) ma danno comunque una certa sicurezza. Tipo morte e tasse, avete presente?
Poi, mi vado a spulciare i tweet di quelli che la sera precedente hanno seguito il programmone da terremoto di Auditel per vedere che è successo. In egual misura, controllo le pagine Facebook che lanciano sempre qualche dritta sulle news.
Dopo pranzo, è il momento creativo: ecco che le pagine di creazioni grafiche, arte, nuovi artisti e nuove tecniche subiscono delle vere e proprie impennate pazze grazie ai miei click.
Magicamente, ad una certa ora del pomeriggio - sempre la stessa, giuro, ma non lo faccio apposta - arrivano le ricette, ma non quelle tradizionali: tra il pranzo e la cena - e cercando di saltare la merenda - mi viene voglia di imparare qualcosa di nuovo e quindi mi segno gli esperimenti che di solito tento nel fine settimana.
La sera passa attraverso due fasi: prima i viaggi, come se progettando un viaggio in Australia potessi ricominciare direttamente dal giorno dopo senza staccare mai per andare a dormire. E poi, rendendomi conto di non poter mollare baracche e burattini così all'improvviso (e pur avendo sempre il mio trolley color marshmallow pronto ai piedi del letto), mi dedico ai libri che mi fanno viaggiare, ma in mille altri modi diversi.

Emilio Salgari diceva che "Scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli" ed è per questo che l'ultimo appuntamento fisso della mia giornata è con la scrittura. Via web, su carta, sulla lavagnetta magnetica appesa nella mia cucina. Dappertutto, insomma.

Anche questo post è stato scritto ieri sera tardi, ma l'ho tenuto in caldo per offrirvelo stamattina come buon giorno. Mi sono trattenuta perchè i motori di ricerca non "acchiappano" i post notturni e sarebbe stato inutile... vabbè, poi una volta vi racconterò di quando piazzavo i miei articoli ai primi posti di Google Analytics con degli accorgimenti SEO che non ve lo dico proprio... ;-)


Commenti

  1. "vabbè, poi una volta vi racconterò di quando piazzavo i miei articoli ai primi posti di Google Analytics..."
    Ma no, non essere timida, dimmi pure come facevi. :)
    Interessante il tuo rapporto con il web...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era timidezza, la mia, ma un semplice intercalare per non appesantire un post che è risultato (mio malgrado) già troppo lungo... Interessante il mio rapporto con il web, dici? mah, non saprei... te lo dico adesso o un'altra volta?! :D

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …