Passa ai contenuti principali

Leggere in viaggio: quando un libro annulla le distanze!


Difficilmente mi metto in viaggio senza avere un libro in borsa.
E poco importa se il viaggio è lungo 1500 km oppure appena 10.

Il tempo che passo in libreria a scegliere il libro da leggere è direttamente proporzionale alla lunghezza del viaggio, e spesso scelgo il libro in base all'atmosfera che voglio che mi accompagni per la durata del mio soggiorno. Molte volte mi è capitato, addirittura, di scegliere titoli che portassero in sé il nome della città che visitavo e la ricerca di un testo simile è una sfida a cui non so resistere, è più forte di me.

Negli ultimi tempi viaggio più in aereo che per terra e lo spazio Feltrinelli Express nell'aeroporto Capodichino di Napoli è diventato una tappa obbligata: non so se è per il luogo in cui si trova oppure per qualche altro arcano motivo, ma là compro sempre libri che altrove non esistono e che accendono la mia curiosità già eccitata dalla partenza.

Il bello di leggere in viaggio è che quando poi riprendo in mano quel libro, una volta tornata a casa, mi tornano in mente le cose che ho visto nel Paese dove mi ha accompagnato, mi tornano in mente le persone che ho conosciuto lì e le idee che mi sono venute in quel determinato periodo.
E' come se il libro che mi accompagna durante il viaggio assorbisse le atmosfere e i profumi che connotano le mie peregrinazioni, per poi rilasciarle nella mia memoria quando ne ho bisogno.

Ora sono in viaggio, ma stavolta un colpo di fortuna mi ha aiutata nella scelta: il giorno prima di partire, mi è arrivato un libro che avevo messo in lista di leggere e di cui presto vi parlerò, e mentre sto qua, mi hanno inviato anche un ebook divertente che è stato una vera sorpresa (anche di questo vi parlerò tra qualche giorno!).

Insomma, ben vengano più spesso queste fortune!
Sì, perchè trovare un libro nella cassetta della posta o nella casella email è un'emozione... di cui vi parlerò la prossima volta, promesso! ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio

Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente. "Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.
Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente?  Isa…

Amo in te di Nazim Hikmet

Amo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco  pieno di sole e sudato affamato infuriato ho la passione del cacciatore per mordere nella tua carne
amo in te l'impossibile ma non la disperazione.
Nazim Hikmet Poesie d'amore Mondadori