Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: Mondadori a sorpresa candida Perissinotto


Alessandro Perissinotto è il primo nome che inizia a circolare come candidato per il 67esimo Premio Strega.
Tra l'altro, il nome di Perissinotto ha lasciato senza parole il mondo dell'editoria, in quanto l'autore concorrerà con il suo ultimo romanzo "Le colpe dei padri", in uscita il 2 aprile per Piemme, la costola minore del colosso editoriale che gli altri anni aveva deciso piuttosto di giocarsi tutte le sue carte puntando su Mondadori o Einaudi .

La decisione ha lasciato senza parole anche l'autore stesso: "Vivo la mia candidatura con lo stesso stupore che provo quando qualcuno mi fa i complimenti per un mio romanzo" ha dichiarato, sottolineando che un premio letterario è un'occasione per gli scrittori di ingaggiare una lotta comune contro l'indifferenza e l'amnesia collettiva.

Il colpo di scena della Mondadori potrebbe essere scalzato solo dal ritorno della Feltrinelli, assente da due anni nella competizione e che punta su Paolo Di Paolo e il suo "Mandami tanta vita".
Le novità, però non riguardano solo gli editori e gli autori presentati: il 5 aprile, per la prima volta nella storia del Premio Strega, le candidature saranno annunciate via Twitter.

Gli altri candidati - salvo sconvolgimenti dell'ultimo momento - dovrebbero essere Romana Petri con "Figli dello stesso padre" (Longanesi), Ilaria Beltramme con "La società segreta degli eretici" (Newton Compton), Matteo Marchesini con "Atti mancati" (Voland), Romano Luperini e il suo "L'uso della vita, 1968" (Transeuropa).
Dovrebbero partecipare anche "Però un Paese ci vuole" di Giovanna Griffagnini per La Lepre, Alessandra Fiori con "Il cielo è dei potenti" per E/O e Matteo Cellini con "Cate, io" per Fazi.

In attesa che i giochi ufficiali inizino, abbiamo parecchie buone ragioni per andare in libreria e comprare, comprare, comprare... finché il portafogli ce lo permette!

Buona lettura!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…