Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco chi sono gli Amici della domenica


In tempo di Premio Strega si sente parlare di "Amici della domenica".
Ma chi sono esattamente?

Gli Amici della domenica sono scrittori, editori, giornalisti, addetti ai lavori e intellettuali che ogni anno compongono la giuria del Premio Strega. 
Era il 1944 quando Maria Bellonci, in una Roma appena liberata dai tedeschi, pensa che la cultura possa stemperare la tensione e il dolore e, la domenica pomeriggio, invita a casa sua - in Viale Liegi - gli amici letterati presenti in città.

Insieme a suo marito Goffredo, Maria Bellonci instaura un rito che, per quanto simbolico, aveva in sé il grande valore dell'amicizia, della vicinanza umana e intellettuale: gli incontri - dapprima esitanti e poi sempre più frequenti - diventano il punto di riferimento in una realtà incerta e sofferente, che riconosce nella letteratura un elemento fondamentale per la ricostruzione della società civile proiettata verso il futuro.

Quella che era una riunione di pochi amici, ben preso crebbe fino a comprendere, nel 1946, ben 155 persone, tra cui spiccano i nomi più importanti del panorama intellettuale italiano del secolo scorso: Gadda, Longhi, Anna Banti, Bontempelli, Palazzeschi, Moravia, la Morante, Debenedetti, Silone.

Fino al 2010, l'elenco annuale dei 400 Amici della domenica non era pubblico e si brancolava nel buio sulla scia di indiscrezioni messe in giro dagli addetti ai lavori, ma il presidente Tullio De Mauro, in onore della trasparenza, ha stravolto la tradizione e così sul sito della Fondazione Bellonci ora compare l'elenco aggiornato, dalle origini ad oggi.

Sono rimasta piacevolmente sorpresa nello scoprire alcuni dei giurati: Sibilla Aleramo, Gae Aulenti, Corrado Alvaro, Niccolò Ammaniti, Gianni Alemanno, Giorgio Amitrano (che è stato mio professore all'Orientale di Napoli!), Giulio Andreotti, Stefano Bartezzaghi, Marco Bellocchio, Daria Bignardi, Sandro Veronesi, Lina Wertmüller, Roberto Saviano... 
Ma vi posso assicurare che ad ogni pagina della lista, troverete nomi conosciuti, dalla letteratura al cinema, alla politica, alla cultura in generale.

Gli Amici della domenica, intanto, hanno scelto i 26 libri candidati tra cui, il 16 aprile, saranno scelti poi 12 che accederanno alla semifinale del 12 giugno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio

Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente. "Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.
Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente?  Isa…

Amo in te di Nazim Hikmet

Amo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco  pieno di sole e sudato affamato infuriato ho la passione del cacciatore per mordere nella tua carne
amo in te l'impossibile ma non la disperazione.
Nazim Hikmet Poesie d'amore Mondadori