Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: ecco chi sono gli Amici della domenica


In tempo di Premio Strega si sente parlare di "Amici della domenica".
Ma chi sono esattamente?

Gli Amici della domenica sono scrittori, editori, giornalisti, addetti ai lavori e intellettuali che ogni anno compongono la giuria del Premio Strega. 
Era il 1944 quando Maria Bellonci, in una Roma appena liberata dai tedeschi, pensa che la cultura possa stemperare la tensione e il dolore e, la domenica pomeriggio, invita a casa sua - in Viale Liegi - gli amici letterati presenti in città.

Insieme a suo marito Goffredo, Maria Bellonci instaura un rito che, per quanto simbolico, aveva in sé il grande valore dell'amicizia, della vicinanza umana e intellettuale: gli incontri - dapprima esitanti e poi sempre più frequenti - diventano il punto di riferimento in una realtà incerta e sofferente, che riconosce nella letteratura un elemento fondamentale per la ricostruzione della società civile proiettata verso il futuro.

Quella che era una riunione di pochi amici, ben preso crebbe fino a comprendere, nel 1946, ben 155 persone, tra cui spiccano i nomi più importanti del panorama intellettuale italiano del secolo scorso: Gadda, Longhi, Anna Banti, Bontempelli, Palazzeschi, Moravia, la Morante, Debenedetti, Silone.

Fino al 2010, l'elenco annuale dei 400 Amici della domenica non era pubblico e si brancolava nel buio sulla scia di indiscrezioni messe in giro dagli addetti ai lavori, ma il presidente Tullio De Mauro, in onore della trasparenza, ha stravolto la tradizione e così sul sito della Fondazione Bellonci ora compare l'elenco aggiornato, dalle origini ad oggi.

Sono rimasta piacevolmente sorpresa nello scoprire alcuni dei giurati: Sibilla Aleramo, Gae Aulenti, Corrado Alvaro, Niccolò Ammaniti, Gianni Alemanno, Giorgio Amitrano (che è stato mio professore all'Orientale di Napoli!), Giulio Andreotti, Stefano Bartezzaghi, Marco Bellocchio, Daria Bignardi, Sandro Veronesi, Lina Wertmüller, Roberto Saviano... 
Ma vi posso assicurare che ad ogni pagina della lista, troverete nomi conosciuti, dalla letteratura al cinema, alla politica, alla cultura in generale.

Gli Amici della domenica, intanto, hanno scelto i 26 libri candidati tra cui, il 16 aprile, saranno scelti poi 12 che accederanno alla semifinale del 12 giugno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…