Passa ai contenuti principali

Io che amo solo te di Luca Bianchini: il cuore caldo del grande Amore


Per leggere "Io che amo solo te" (Mondadori) dovete porvi nella condizione di spirito di quando si va ad un matrimonio. Sì, perché l'autore, Luca Bianchini, invita il lettore proprio ad un matrimonio in piena regola, e, per giunta, a uno di quelli a cui paghereste per essere invitati.

Il matrimonio dell'anno è ambientato a Polignano a Mare, per l'occasione spazzata da un maestrale ostinato e potente che, per il tempo del romanzo - venerdì, sabato e domenica -, spinge i pensieri e i ricordi dei personaggi verso mete che non si sarebbero mai immaginati.

Ninella ha cinquanta anni ed è la sarta più bella di Polignano. Don Mimì è soprannominato "il re delle patate", ha i baffi curatissimi e, a cinquantacinque anni, è ancora il sogno erotico delle donne.
Ma non è il loro matrimonio.
Saranno i loro figli, Chiara e Damiano, gli sposi, rendendo consuoceri quelli che un tempo lontano - ma nemmeno poi tanto - avevano sognato di diventare marito e moglie.

Luca Bianchini - autore molto attivo sui social, su cui ha raccolto un seguito di fan che lo seguono fedelmente per questo libro, così come per il precedente "Siamo solo amici" uscito nel 2011 - intesse una storia che è armoniosa come una melodia antica e ritmata, e, altrettanto piacevolmente, scorre via. Tutti i tasselli della storia vanno a posto naturalmente e la scrittura fluida e sentita - tipica di Bianchini - rende ogni lettore un osservatore privilegiato dei pensieri e degli umori dei personaggi.

"Io che amo solo te" è la canzone di Sergio Endrigo che sentirete aleggiare in tutto il libro e che, per meglio gustarlo, dovrete mettere in sottofondo mentre leggete [chiedete a casa mia nelle 24 ore in cui ho divorato il libro, quale melodia si sentisse fuoriuscire a ripetizione dalla mia stanza...].
Ma oltre a questa canzone, ci starebbe perfettamente anche una pizzica focosa, qualcosa che infiamma il sangue senza un perché. Come l'amore.

E' l'amore, infatti, l'invitato non previsto al matrimonio di Chiara e Damiano: potrebbe sembrare un paradosso, ma non è così scontato.
L'amore che gli sposi provano l'una per l'altro e che li ha portati a progettare un futuro insieme, mentre le voci di paese riducono il loro matrimonio ad un contratto dove i soldi sono l'unica ragione.
L'amore che Orlando - il fratello dello sposo - prova per il misterioso Innominato e che, spogliato dall'aura di segretezza, rivela toni meno idilliaci di quanto si credesse.
L'amore mai sopito di Ninella per Mimì e di Mimì per Ninella, un amore vissuto a distanza, nella sofferenza, alimentato dai pensieri più che dagli sguardi, nutrito da un fuoco sottopelle che solo il grande Amore sa scatenare e che poi nessuno mai saprà né domare né estinguere.

"Io che amo solo te" è tutto questo e molto altro ancora.
Al di là di qualsiasi retorica, però, ci sono corde che questa storia tocca e che vibrano anche oltre l'ultima pagina, tanto che, dopo averne vissuto emotivamente ogni parola, difficilmente saprete dire qualcosa di diverso da: "E' troppo bello! Mammamia!".
Ma di cosa è fatta questa bellezza, le parole stentano a raccontare.

E non perchè il vostro vocabolario sia scarso, attenzione.
Nel mio caso, per raccontarvelo, dovreste prima conoscere la mia terra - Napoli -, poi le mille storie raccontate dalle zie mentre ricamano corredi di spose di ogni tempo, poi ancora dovreste avere negli occhi la luce della "controra" estiva - che è bianca come non riuscite a immaginare - e batte su terrazzi saraceni neri di pece, dove arpeggiano lenzuola stese ad asciugare. E nell'aria, in lontananza, si sente sempre una musica...

Ecco, se io vi dovessi spiegare cosa è per me "Io che amo solo te", dovreste sapere tutte queste cose e probabilmente il vostro "Io che amo solo te" toccherebbe comunque altre corde, diverse dalle mie, ma altrettanto profonde.

Io non sono mai stata a Polignano ma, dopo aver letto questo romanzo, ho iniziato a contattare amici che vivono in zona per farmi dare delle dritte per un alloggio con un balconcino come quello di Ninella, con sotto  il mare che ruggisce e ti blandisce.
E che, nelle notti che non sono fatte per dormire, sussurra "Io ho avuto solo te e non ti perderò, non ti lascerò per cercare nuove avventure...Io che amo solo te".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il booktrailer del libro


Io che amo solo te di Sergio Endrigo

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …