Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2013: Walter Siti vince la 67esima edizione con "Resistere non serve a niente"


Walter Siti è il vincitore del 67esimo Premio Strega.
Con il libro "Resistere non serve a niente" (Rizzoli) ha raccolto 165 voti ieri sera alla premiazione nel Ninfeo di Villa Giulia a Roma.

Al secondo posto, Alessandro Perissinotto con "Le colpe dei padri" (Piemme) con 78 voti, testa a testa con il terzo posto di 77 voti di Paolo Di Paolo "Mandami tanta vita" (Feltrinelli).

A seguire Romana Petri, "Figli dello stesso padre" (Longanesi) con 63 voti e Simona Sparaco con 26 voti per il suo "Nessuno sa di noi" (Giunti).

Prima della diretta su Rai 1 condotta da Antonio Caprarica e Laura Chimenti - ma anche durante e dopo - , le notizie più fresche e succose sono passate attraverso Twitter con l'hashtag #strega13.

I risultati finali del premio più importante del panorama letterario italiano non hanno riservato sorprese: già si sapeva che Siti avrebbe vinto e che Perissinotto sarebbe arrivato o secondo o terzo insieme a Di Paolo.

La diretta tv - come è spiegato magnificamente qui - è stata abbastanza sotto tono, assolutamente inadeguata all'importanza dell'evento.
Al di là del programma e della conduzione - con Caprarica che ha svelato i finali della maggior parte dei libri della cinquina -, io ho trovato inaccettabile che i critici parlassero dei voti e degli equilibri della classifica parlando delle case editrici senza mai nominare né gli autori né i libri, svelando definitivamente la verità [qualora non lo avessimo capito ancora] sul premio più importante d'Italia.

Bando alle ciance, comunque.
Parliamo di libri, che sono la cosa più importante di tutto questo circo.


Ecco la trama di "Resistere non serve a niente":
Molte inchieste ci hanno parlato della famosa “zona grigia” tra criminalità e finanza, fatta di banchieri accondiscendenti, broker senza scrupoli, politici corrotti, malavitosi di seconda generazione laureati in Scienze economiche e ricevuti negli ambienti più lussuosi e insospettabili. Ma è difficile dar loro un volto, immaginarli nella vita quotidiana. Walter Siti, col suo stile mimetico e complice, sfrutta le risorse della letteratura per offrirci un ritratto ravvicinato di Tommaso: ex ragazzo obeso, matematico mancato e giocoliere della finanza; tutt’altro che privo di buoni sentimenti, forte di un edipo irrisolto e di inconfessabili frequentazioni. Intorno a lui si muove un mondo dove il denaro comanda e deforma; dove il possesso è l’unico criterio di valore, il corpo è moneta e la violenza un vantaggio commerciale. Conosciamo un’olgettina intelligente e una scrittrice impegnata, un sereno delinquente di borgata e un mafioso internazionale che interpreta la propria leadership come una missione. Un mondo dove soldi sporchi e puliti si confondono in un groviglio inestricabile, mentre la stessa distinzione tra bene e male appare incerta e velleitaria. Proseguendo nell’indagine narrativa sulle mutazioni profonde della contemporaneità, sulle vischiosità ossessive e invisibili dietro le emergenze chiassose della cronaca, Siti prefigura un aldilà della democrazia: un inferno contro natura che chiede di essere guardato e sofferto con lucidità prima di essere (forse e radicalmente) negato.
Probabilmente, come succede spesso in questi casi, ora si recupereranno anche i vecchi titoli di Walter Siti che è anche curatore delle opere complete di Pier Paolo Pasolini. Se siete tra questi curiosi "La magnifica merce" (Einaudi, 2004), "Troppi paradisi" (Einaudi, 2006) e "Il contagio" (Mondadori, 2008) e il suo seguito "Il canto del diavolo" (Rizzoli, 2009), "Autopsia dell'ossessione" (Mondadori, 2010).

Per quanto mi riguarda, cercherò di leggere il libro vincitore.
Diciamo che vi aggiornerò sull'argomento, insomma.

Buona lettura a tutti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…