Passa ai contenuti principali

BookMob di Librincircolo: un bel modo di muovere i libri!

Le foto sono tutte prese dal sito www.librincircolo.it
Se ieri a mezzogiorno vi siete trovati a passare per Piazza San Domenico Maggiore, a Napoli, e avete visto un gruppo di persone con misteriosi pacchetti colorati tra le mani, con aria allegra e friccicarella, allora vi siete trovati nel bel mezzo del BookMob organizzato da Librincircolo.

In pratica, chiunque poteva partecipare portando un libro che aveva letto e che aveva amato, oppure odiato, oppure un libro che giaceva irrimediabilmente in libreria con nessuna speranza di essere letto perché preso in antipatia dal primo momento. Insomma, un libro che si voleva far muovere, che si voleva mettere in circolazione o mandare a quel paese!
Il libro doveva essere incartato e poi messo nel mucchio.
Alla fine, tutti i partecipanti hanno pescato e sono diventati la meta per un libro partito da chissà dove.

Piazza San Domenico Maggiore, a Napoli, invasa dal BookMob di Librincircolo
Io non sono a Napoli in questo periodo, ma avrei tanto voluto partecipare.
Io amo le iniziative così, semplici ma profondamente pensate per dare qualcosa a chi vi partecipa, fosse anche un momento di comunicazione senza confini né maschere.

E niente. Ora cosa voglio, mi direte voi.
Niente.
Vorrei solo che manifestazioni si ripetessero più spesso. Non dico assai, ma una volta al mese o ogni due, va'.

BookMobilitiamoci tutti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…