Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2013

L'altra faccia dell'amore di Francesca Giuliani

Tradire. Ripagare per la fiducia accordata. Ambrose Bierce
Vi siete mai chiesti quanto può essere grave - e pericoloso - un tradimento? Soprattutto per il traditore. Francesca Giuliani nel suo racconto "L'altra faccia dell'amore"ci mostra uno scenario decisamente diverso. Fabrizio Cesari è un medico, ha una posizione affermata e un matrimonio che va avanti da vent'anni. Sarà per la noia della routine o per provare il brivido dell'avventura che ad un certo punto decide di avere un'amante. E sceglie Marika.
Come uno di quei balli di sala con i passi già tutti regolamentati, il ballo tra lui, lei e l'altra va avanti con i canonici sotterfugi, le più scontate bugie e i più frettolosi incontri mordi e fuggi.
Cosa cambia? In questo triangolo subentra l'imprevisto. Sia per il protagonista, Fabrizio, che tutto ad un tratto non è più al centro della vicenda, né della sua vita. Sia per il lettore che, con lo scorrere della trama, si era quasi abituato ad un f…

Vetro: intervista a Margherita Remotti

Il romanzo "Vetro" mi ha fatto riflettere per parecchi giorni dopo averlo letto, così ho voluto indagare. Ogni indagine dovrebbe partire dall'inizio, e quale inizio migliore se non andare alla fonte del libro? Ho intervistato l'autrice, Margherita Remotti. Nata a Caserta, Margherita vive tra Milano e Roma ed è attrice e scrittrice. In passato ha scritto per diversi anni di arte e design sulle principali testate nazionali e ha pubblicato testi e racconti sulla rivista "Sud" e il webmagazine "Torno Giovedì". Membro dell'Actor's Center di Roma, più di recente è protagonista di spettacoli teatrali e di lungometraggi e cortometraggi presenti in diversi festival internazionali. Già autrice del racconto Vampire per Lite-Editions. "Vetro" è il suo primo romanzo.
Come e quando è nata la passione per la scrittura?
Più che di passione, parlerei di bisogno di raccontare, di mettere letteralmente nero su bianco emozioni, sensazioni, fatti, com…

Libri per un giorno di pioggia. Rainy Day Books che tengono caldo

L'autunno, purtroppo, non è solo bei colori caldi, pittoresche foglie che cadono e tazze di tè sotto un plaid sul divano. Molto spesso piove ed è per questo che ci vuole una buona tazza di tè sotto un plaid morbido su un divano comodo!
Nelle giornate grigie - che dubito perfino che il sole possa mai ritrovare la strada attraverso tutti quei nuvoloni neri - mi viene sempre voglia di un libro caldo, confortevole e... amico! Vorrei sempre che qualcuno mi mettesse davanti un menù su cui, invece dei piatti, sono segnati i libri con tutti gli ingredienti di cui io ho bisogno in quel momento.

Praticamente un catalogo di un qualsiasi book-shop on line può servire allo stesso scopo, non fosse altro che io poi il libro lo vorrei a consegna immediata, subito tra le mie mani, per accarezzarne la copertina e sfogliarne le pagine.
Sì, ma... gli ebook?

Ho tutta quella caterva di ebook che compro a 0,99 centesimi sotto la spinta della mia mania, ma quando la giornata è piovosa - non me ne voglia…

Book Fight Show: scrittori da combattimento al BCM13

Prendete 6 scrittori, metteteli nello stesso posto. E fateli sfidare. Sì, una vera e propria sfida a colpi di racconti, calembour, parole inaudite.
Questo è il Book Fight Show organizzato dalla casa editrice Lite Editions domani nell'ambito del BookCity Milano 2013 alle 19 presso l'Insana Academy [Via San Marco 50, Milano].
Uno scontro epico. La letteratura come non l'avete mai vista.
Luigi Carrozzo, Eva Clesis, Gianluca Mercadante, Milena Prisco, Fausto Rampazzo e Margherita Remotti sono i combattenti che se le suoneranno di santa ragione.  Senza alcuna violenza, o almeno, tanto quanto possono essere violente e brutali le parole. 
A decretare il vincitore, ci saranno quattro giudici: uno del pubblico, lo scrittore Marco Drago, il giornalista Giorgio Lonardi e l’attrice e presentatrice tv Deborah Morese.
Due saranno le manche: nella prima i sei autori, divisi in tre tranche da due, sfida nella sfida, leggeranno il racconto che hanno pubblicato come voce enciclopedica all’in…

EWWA, European Writing Woman Association: la prima uscita al BCM13

Oggi si sono aperti i battenti della seconda edizione di BookCity Milano. Oltre ad essere una bella occasione per stare insieme a tanti ma tanti libri e altrettanti autori - occasione da non perdere, secondo me -, è anche un momento per scoprire delle belle novità.
Una bella novità è la neonata associazione EWWA - European Writing Women Association ospite  di BookCity domani, 22 novembre, alle 17,30 presso lo spazio Rossana Orlandi [Via Matteo Bandello 14-16]. Le socie di EWWA domani si incontreranno per la prima volta dal vivo all'incontro moderato dalla vicepresidente dell’associazione Alessandra Bazardi:  parteciperanno, inoltre, Mariangela Camocardi, Adele Vieri Castellano, Viviana Giorgi (socie fondatrici), Paola Gianinetto, Giovanna Guidoni, Paola Mammini e Edy Tassi
EWWA - European Writing Women Association - è una nuova associazione di autrici e di professioniste del mondo della comunicazione (stampa, grafica e audiovisivo), che ha come obiettivo primario la solidarietà…

BookCity Milano 2013 inaugura la Via della Lettura e promette grandi appuntamenti

Bookcity Milano 2013 parte domani, 21 novembre e, fino al 24, porterà quanti più visitatori possibili sulla Via della Lettura, una linea immaginaria che unisce il centro di Milano dal Castello Sforzesco fino alla Rotonda di via Besana.
Questa è la seconda edizione della manifestazione, promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dal comitato promotore BookCity composto da Fondazione Rizzoli Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri, con il contributo di Camera di Commercio di Milano e AIE (Associazione Italiana Editori), con il sostegno di ALI (Associazione Librai Italiani), LIM (Librerie Indipendenti Milano) e AIB (Associazione Italiani Bibliotecari). 
Il Castello Sforzesco è il centro pulsante di BookCity: ospiterà con incontri, reading, e animazioni. Tra le tante novità una Via della lettura, che partendo proprio dal Castello si svilupperà come percorso dedicat…

Masterpiece sì. Masterpiece no. Masterpiece booom! Come si costruisce il futuro bestseller (mediatico)

Ieri sera è andata in onda la prima puntata del primissimo talent show per scrittori "Masterpiece". Il fine ultimo di tale programma è la scoperta di uno scrittore che, in premio, vedrà il suo libro pubblicato dalla casa editrice Bompiani in 100mila copie.
I giudici in studio sono Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi.
Il web è letteralmente esploso già durante la diretta di ieri, dove l'hashtag di Twitter #masterpiece è schizzato in cima a tutte le classifiche dei twitter trend. Oggi, poi, tutti ma proprio tutti hanno voluto dire qualcosa. E io?
L'ho visto, ma ci sono stati momenti in cui i miei nervi si sono stizziti a tal punto che ho dubitato di poter mai più addormentarmi in vita mia (il programma è finito all'1 e 20!). Da dieci, ben presto i concorrenti sono diventati quattro, che si sono disputati la puntata a suon di elaborato nato da un'esperienza dal vivo. Massimo Coppola - coach degli scrittori, autore, storico volto di Mtv e dirett…

Il malessere della domenica che porta a fare cose strane

Arriva un momento della domenica pomeriggio - più o meno a quest'ora - in cui mi rendo conto che è inutile che pensi di stare ancora nel pieno del weekend: è finito. O meglio, è finita.
Quando realizzo questo, inizia a serpeggiare nella stanza, si insinua sotto al divano su cui sono incollata - animale  finesettimanale modello centauro, metà donna metà divano - una sottile nebbiolina di un grigio indefinito.  Avete presente quando, nel film "I Dieci Comandamenti" di Cecil DeMille, la morte arriva come una nuvola rasente il pavimento per fare strage dei primogeniti d'Egitto? Ecco, uguale.
La consapevolezza che il weekend è finito arriva serpeggiando e fa strage di tutti i possibili buoni propositi che abbia mai potuto pensare di realizzare in quei due giorni che dovrebbero essere all'insegna della vitalità ma anche del riposo, della tranquillità ma anche del divertimento, dell'amore ma anche dell'amicizia.
Si chiama Sunday Blues e arriva più o meno alle 1…

Dal libro al cinema: quando il bestseller diventa film

L'eterna diatriba tra i libri e i film da loro ispirati, non avrà soluzione facile, è meglio che ci mettiamo l'anima in pace. Così, l'unica cosa che possiamo fare, è sperare che - qualora traggano un film dal nostro libro preferito - la sceneggiatura sia quanto più simile al testo che ci è entrato nel cuore e che i volti degli attori corrispondano almeno un briciolo ai volti dei personaggi così come ce li eravamo immaginati.
Ora prendete un libro come "Benvenuti in casa Esposito" e immaginate di vederlo in carne e ossa... Cosa ve ne pare? Così, già quando Pino Imperatore annunciò che presto gli Esposito sarebbero arrivati a teatro, l'ansia di vedere Tonino Esposito e la sua famiglia con una voce e un corpo che non era quello che mi immaginavo quando ho letto e riletto il libro, mi metteva in uno stato di agitazione da non sottovalutare. Poi ora Pino ha annunciato che ci sarà anche un film! Il libro è stato ed è amatissimo dai lettori che non hanno mai smesso…

Nuovo arrivo in casa Scrittura & Scritture: Le geometrie dell'animo omicida

Erano giorni ormai che la curiosità mi stava rodendo.
Dovevo sapere a tutti i costi quale era il nuovo libro che stava per uscire e... ora lo so!

Si chiama "Le geometrie dell'animo omicida" l'ultimo libro arrivato ad arricchire il catalogo della casa editrice Scrittura & Scritture, un giallo non convenzionale, a tratti ironico, finalista al Premio Tedeschi 2011.
L'autrice del libro è Monica Bartolini - già nota al panorama letterario come la Rossachescrivegialli - è autrice di romanzi e racconti gialli declinati in tutte le possibili sfumature di noir.

Il libro arriverà in libreria il 30 novembre per la collana Catrame, già forte di titoli come "La stretta del lupo" di Francesca Battistella e "L'ombra del bosco scarno" di Massimo Rossi.

Ecco la trama:
Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani…

I blogger radical chic. Ovvero quello snobismo sui libri, sulla lettura e sugli altri blogger

Gli intellettuali sono come la mafia. Si uccidono solo tra loro. Woody Allen
No, non mi dite che Allen è scontato come inizio, soprattutto perché ha detto esattamente quello che sto constatando in giro per il web da un po' di tempo a questa parte.

Si è creata una sorta di cricca che, da sola, ha deciso di erigersi sul podio più alto e di sputare in testa a tutti quelli che sono sotto. Il bello è che solo loro si considerano ad una altezza tale da poter disprezzare tutti senza esserne toccati.

Sto parlando dei blogger intellettual-radical chic-letterari-snob.
Sono quelli che commentano, concordano, diffondono e condividono solo i post di altri blogger della stessa elitaria categoria. Guai ad uscire dalla cerchia!
Si potrebbe rischiare di essere solo dei comuni mortali che scrivono, che leggono e che vivono cercando quel qualcosa che cercano tutti. E non sia mai!

Così, ultimamente mi è capitato di leggere cose raccapriccianti, come può essere raccapricciante solo la violenza e la ca…

Vetro di Margherita Remotti

Il vetro è un materiale strano, se ci pensate. Resistente e fragile allo stesso tempo. Trasparente e deformante, a secondo di come ci guardate attraverso.
"Vetro" è il titolo del primo romanzo di Margherita Remotti, edito da Lite Editions. Anna Valenti, la protagonista, lavora per una casa d'aste, è abituata al contatto con oggetti la cui bellezza ha un valore monetizzabile. Finché non trova una statuina che non ha niente a che vedere con tutto quello che ha visto fino a quel momento.  Si può dire piuttosto che Anna venga trovata da questa opera che ha in sé un mondo e lei lo intuisce. Lo intuisce con l'anima, prima che razionalmente, e non può far altro che mandare all'aria la sua vecchia vita. Del resto, è come se guardasse la sua esistenza attraverso un vetro sporco, opaco. E lei stessa è vetro attraverso cui passa tutto, indifferentemente. Io sono vetro. Il mio corpo è vetro: fermo, astratto, trasparente, sospeso, non toccato, freddo, alieno. Così, appena Anna…

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...