Passa ai contenuti principali

Vetro di Margherita Remotti


Il vetro è un materiale strano, se ci pensate.
Resistente e fragile allo stesso tempo.
Trasparente e deformante, a secondo di come ci guardate attraverso.

"Vetro" è il titolo del primo romanzo di Margherita Remotti, edito da Lite Editions.
Anna Valenti, la protagonista, lavora per una casa d'aste, è abituata al contatto con oggetti la cui bellezza ha un valore monetizzabile. Finché non trova una statuina che non ha niente a che vedere con tutto quello che ha visto fino a quel momento. 
Si può dire piuttosto che Anna venga trovata da questa opera che ha in sé un mondo e lei lo intuisce. Lo intuisce con l'anima, prima che razionalmente, e non può far altro che mandare all'aria la sua vecchia vita.
Del resto, è come se guardasse la sua esistenza attraverso un vetro sporco, opaco.
E lei stessa è vetro attraverso cui passa tutto, indifferentemente.
Io sono vetro. Il mio corpo è vetro: fermo, astratto, trasparente, sospeso, non toccato, freddo, alieno.
Così, appena Anna trova la statuina, si aggrappa a lei, unico appiglio nella tempesta si indifferenza che paralizza i suoi giorni.
Solo quando stringe tra le mani quella statuina così particolare, Anna inizia a provare qualcosa, dopo tanto tempo: si risveglia in lei il desiderio incontrollabile di possedere qualcosa, e di lottare per quel qualcosa.
Poi conosce Evelyn - l'autrice dell'opera - e scopre che per lei lavorare il vetro è come aggrapparsi ad un barlume di vita, la sola scintilla sopravvissuta al suicidio del suo unico e grande amore.

Nelle pagine di "Vetro" ci sono i riflessi della luce attraverso il materiale che dà il titolo al romanzo e l'opacità del vapore che si forma quando fuori fa freddo.
E forse Margherita Remotti descrive quel senso di spaesamento di quando si guarda i contorni indefiniti attraverso un vetro appannato, quel panico che ci prende quando sappiamo che fuori fa troppo freddo e mai ci vorremmo trovare lì, eppure sappiamo di dover uscire.

C'è sempre un posto freddo, lì fuori da qualche parte della nostra vita, e non vorremmo mai trovarci, eppure basta una scintilla, trasparente e pura, piena di bellezza e di fuoco, e improvvisamente non vediamo l'ora di uscire.

"Vetro" è la prima prova "lunga" della Remotti, che è anche attrice e per anni ha scritto di arte e design sulle principali testate nazionali e ha pubblicato testi e racconti sulla rivista "Sud" e il webmagazine "Torno Giovedì" e per Lite Editions il racconto "Vampire".
E il risultato è una storia forte e limpida. Proprio come il vetro.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…