Passa ai contenuti principali

Mi arrivi come da un sogno di Diego Galdino


Ci sono momenti in cui sembra che vada tutto bene.
C'è quel silenzio fuori così incontrastato che sembra che ci sia silenzio anche dentro.
Tutti i pezzi a posto, il quadro sembra completo, eppure le figure non sono nitide.

Poi ad un tratto qualcosa si muove e la messa a fuoco migliora.

Ci sono sogni che non confessiamo a nessuno.
Ci sono sogni che nemmeno noi sappiamo di sognare, eppure sono quelli i più forti perché crescono senza la luce e senza l'appoggio di nessuno.

"Mi arrivi come da un sogno" di Diego Galdino [Sperling&Kupfer] contiene in sé i sogni dei protagonisti, Lucia e Clark, ma anche il sogno dell'autore di essere uno scrittore.
La storia è di quelle che si leggono tutto d'un fiato e non perché troppo semplici o semplicistiche, ma perché risulta davvero difficile staccarsi dalle pagine del libro.

Lucia parte dalla soleggiata Sicilia per un praticantato in un giornale di Roma. Fare la giornalista sarebbe il suo sogno e il condizionale, purtroppo, è d'obbligo, perché Lucia è troppo buona per imporre con forza le sue idee ad una famiglia tanto simile, per mentalità, a tante famiglie del meridione.
Arrivata nella capitale, però, qualcosa si scioglie dentro di lei, tanto da notare il fascinoso Clark, americano a Roma e giornalista della sua redazione.

Clark di cognome fa Kent e con Lucia si comporta da vero super eroe, soprattutto quando ci si mette il destino a separarli e lui deve sfoderare tutti i suoi poteri per riaverla.
Quello che però né Lucia né Clark sanno è che l'amore è il super potere più potente di tutti, quello che può sconfiggere qualsiasi male, anche quando la speranza sembra scomparsa.

"Mi arrivi come da un sogno" è il secondo libro di Diego Galdino dopo il bestseller "Il primo caffè del mattino" che ha conquistato migliaia e migliaia di lettori in giro per il mondo.
Con questo libro, lo scrittore - barista a tempo pieno - conferma il fatto che la sua passione per la scrittura è una passione sincera e forte che dà i suoi frutti.

Più di una volta mi è capitato di leggere il paragone tra Galdino e Nicholas Sparks, ma permettetemi di dissentire [la mia opinione su Sparks l'ho espressa qui].
La scrittura di Diego possiede la semplicità delle cose belle, quelle che si spera che finiscano bene e, in effetti, nei suoi libri avviene. E a volte si ha voglia solo di questo, che un libro ci doni un sorriso e un pizzico di speranza.

E io credo fortemente che i libri siano portatori di speranza, altrimenti non scriverei quello che scrivo, vi pare?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…