Passa ai contenuti principali

Un adorabile bugiardo di Deborah Fasola


Si dice che le bugie hanno le gambe corte e forse per questo non fanno molta strada.
Se però le bugie hanno le gambe muscolose di Eric e, più sopra, ci sono pettorali da urlo e un viso da incantarsi, per non parlare di un cervello da fisico nucleare, forse hanno qualche possibilità in più di sopravvivere. E, anzi, moltiplicarsi.
Così, Rebecca Moore, la protagonista di "Un adorabile bugiardo" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel], si trova a dover tenere in piedi così tante storie inventate che dimentica quale è la verità.

Rebecca ha un fidanzato bellissimo che di mestiere fa il medico, una situazione a cui lei stessa stenta a credere. Dean, però, ha un difetto bello grosso: non vuole impegnarsi e, dopo due anni di relazione, Becks, che vuole passare ad uno stadio successivo, si trova ad essere scaricata da un giorno all'altro. Ma forse non è nemmeno questo il suo dramma, quanto piuttosto la quadratura storta in cui è entrata la sua vita, visto che non solo ha perso il fidanzato, ma anche il lavoro e persino il gatto!

Nello stesso momento, la sua migliore amica Julie, che Becks ha sempre considerato perfetta con una vita perfetta e un marito perfetto e innamorato, lascia tutto per dedicarsi ad una storia con il suo collega Eric. I due amanti si ritrovano senza casa e chiedono a Rebecca di ospitarli. La convivenza si rivelerà piena di sorprese, perché le cose non sono sempre come sembrano e il destino, a volte, ha altri piani rispetto a quelli che noi immaginavamo e spesso questi sono incasinati come un mazzo di carte sparpagliate dal vento.

Deborah Fasola esordisce per Rizzoli con questo ebook che è pervaso dal Mood Ironico della categoria in cui è inserito e ci sono alcuni brani dal ritmo veloce - l'esasperazione di Becks di fronte alle insistenze della madre, le stranezze della sua famiglia - in cui mi è risultato difficile non ridere. "Un adorabile bugiardo" è una commedia leggera e spensierata scritta in prima persona con la voce di Rebecca che non manca di dare anche una visione dei suoi pensieri.

Un libro perfetto per tenere compagnia a chi ha voglia di rilassarsi con qualcosa di buono ma, allo stesso tempo, di frizzante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…