Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2015: ci faccio un #SalTo anche io!


Il Salone del Libro di Torino è l'appuntamento annuale con l'industria editoriale, ma è soprattutto un momento per fare il punto della situazione di cosa si legge in Italia.

***blablabla insomma***

Lo scorso anno presi la decisione di non parlarne e, per confondere le carte, quest'anno per la prima volta ci andrò.
Per una più o meno fortunata serie di coincidenze - tra cui visitare Torino -, venerdì 15 maggio sarò al salone. 
Emozionata? Frastornata? Impaziente?
Sì e no a tutte le cose.
Più che altro, per me significherà partecipare a qualcosa che finora avevo visto solo da lontano e su cui ho costruito i miei bei miti, diciamola tutta.

***la speranza di non essere delusa è fortemente supportata dal fatto che, comunque vada, per me sarà un piccolo microscopico successo***

Il 28esimo Salone del Libro di Torino ha come tema conduttore le Meraviglie d'Italia: per gli organizzatori il tema è stato scelto "perchè nell'anno dell'Expo etc...", ma per me è un piccolo segno nell'anno del mio trasferimento all'estero, dove le meraviglie d'Italia le guardo con l'occhio (critico? nostalgico?) di chi deve cambiare nazione per meravigliarsene.

Ho fatto un programma di cosa voglio vedere al Salone o a Torino?
Se lo avessi fatto, potevate segnalare il blog per essere stato hackerato, dal momento che mai 24/12 ore prima di un viaggio organizzo qualcosa, non dico la valigia ma quanto meno i pensieri.

Di sicuro un programma segnato e sottolineato in agenda è l'incontro #ilrosachenontiaspetti organizzato da Emma Books [dettagli dell'evento] alle 14 all'interno di Book to the Future, l'area dedicata all'editoria digitale.
All'incontro prenderanno parte alcune delle scrittrici contemporanee che più ammiro e, tra il pubblico, sicuramente ci saranno le blogger che leggo più spesso.
Questo mi emoziona e mi riempie di aspettativa, anche perché parlare di narrativa cosiddetta rosa è un tema che mi incuriosisce e mi interessa tanto.

***o voi autrici e blogger finora amiche virtuali, facciamo che mettiamo da parte la timidezza e ci salutiamo tutte? Io dovrei essere riconoscibile (di solito sono quella che arriva trafelata...) ma nel dubbio, mirate al logo del blog che dovrei appuntare da qualche parte (non è escluso che lo attacchi in fronte...)***

Alle 16, nell'Area Piemonte, nello spazio "Homo faber. Officina, editoria di progetto" Sandro Ferri dialoga con Massimo Carlotto, scrittore che ho iniziato a leggere da poco ma che mi ha catturata e vorrei incontrarlo (magari porto anche il libro per un autografo).

Per ora queste sono le cose che ho segnato.
Non so ancora quanto riuscirò a collegarmi in diretta da Torino, ma ci proverò fortemente.

State pur certi che partirò con il solo pensiero di cercare le meraviglie d'Italia, in qualsiasi angolo, libro, copertina, autore, si possano trovare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…