Passa ai contenuti principali

Amami per come sono di Jenny Hale


Chi nasce, cresce, vive e lavora sempre nello stesso posto, non potrà mai capire cosa si prova ad andarsene per un periodo più o meno lungo e poi ritornare.
Le persone, le strade, i negozi sono sempre allo stesso posto, uguali magari, ma tutto sembra diverso.

Immaginate, poi, lasciarci il cuore...

Libby Potter a diciotto anni va via da White Stone per frequentare la Columbia e vivere a New York. Apparentemente l'ambizione è più forte dell'amore di Pete Bennett, il suo migliore amico e il suo primo amore. Gli anni passano - 12 per l'esattezza - e Libby si ritrova letteralmente catapultata nel suo passato, anzi, nello spazio vuoto tra il passato e il presente, uno spazio pieno di tutte quelle cose che ricordava in un modo e invece, poi, ritrova completamente diverse.
"Amami per come sono" di Jenny Hale [Leggereditore] inizia così, col ritorno a White Stone di una donna che non si riconosce più in quella che era ma, avendo perso tutto quello che aveva conquistato negli anni - il successo nel lavoro, il fidanzato, il prossimo matrimonio -, ha perso di vista anche tutto quello che era diventata.
A White Stone, oltre alla madre Celia, Libby rivede Pete e la sofferenza di averlo lasciato esplode in tutta la sua devastante potenza, investendo qualsiasi passo che lei compie nella cittadina in cui era nata. Tutto le ricorda Pete e le cose che facevano insieme, i loro sogni di felicità, il futuro che aveva sognato con lui e che poi lei stessa aveva rifiutato.

"Amami per come sono" è un romance delicato, senza scene di sesso e anche solo i baci sono descritti in maniera molto soft. Il personaggio di Libby si perde in mille - e ripetitivi - dubbi e pensieri su chi era, su cosa è diventata, su quello che ha perso. Risulta un po' difficile affezionarsi alle sue vicende e, ancor di più, a quello che lei descrive come un dramma, ma viene poi descritto senza profondità di emozioni. Il personaggio più bello e più emozionante è Pop, il nonno di Pete che è affezionato anche a Libby, per il resto, anche Pete sembra un po' incompiuto.

Leggete "Amami per come sono", dategli una possibilità, soprattutto se avete lasciato il posto in cui siete nati e, con esso, anche il vostro primo amore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…