Passa ai contenuti principali

La mia musica sei tu di Alessandra Angelini


A volte succede di non capirsi. Con le persone, come con i libri.

Si resta là qualche tempo a cercare di capire perché le cose sono andate in un certo modo, ma poi ci si rende conto che non poteva essere altrimenti e, pur dispiacendosene, si va oltre.

Ultimamente mi è capitato con un libro, "La mia musica sei tu" di Alessandra Angelini
L'ho letto, ci ho riflettuto su per un po', ma non ci siamo capiti, diciamo così.

Isabella è la figlia privilegiata di una famiglia benestante di Roma: il padre, avvocato e senatore, esercita un controllo costante e asfissiante su ogni aspetto della sua vita, mentre la madre è succube e silente. Dopo aver scoperto che il suo fidanzato storico la tradisce, Isabella chiede al padre di andare a studiare per un po' a Milano, ospite dello zio. Durante una serata di musica in giro per locali con la cugina Cristina, Isabella conosce Denis, il batterista di un gruppo punk rock e i due iniziano una tormentatissima storia d'amore.

Sarà che Isabella è troppo una brava ragazza e che Denis è troppo "bad boy", ma non ho particolarmente gradito tutte le esagerazioni - forse tipiche dei romanzi young adult - presenti nella storia.
Esagerazioni che si esplicano in pianti a dirotto non appena lui le fa un discorso un po' più sentimentale; in litigi che sembrano furiosi e invece si risolvono come una tempesta in un bicchier d'acqua; in fragilità che potrebbero mandare in mille pezzi persone ben più strutturate di come viene descritta la protagonista e invece la sbriciolano per poi rimetterla insieme (anche se in maniera molto precaria, a mio avviso). La band è una famiglia unita "tutti per uno, uno per tutti" e, quando il cantante ha problemi con alcol e droga (non sarà troppo un cliché?), tutti si adoperano per salvarlo, prima fra tutti Isabella (che per quanto è fragile, non dovrebbe proprio essere lei a sostenerlo). La band, ovviamente, raggiunge il successo e viene intervistata da una famosa rivista di musica: non lasciatevi mordere dalla curiosità, c'è tutta l'intervista ben trascritta con domande e risposte!

Non sono riuscita a reperire ulteriori informazioni sull'autrice, ma credo che sia un'esordiente.
Alcune parti del libro - quelle con le frasi da sottolineare, per intenderci - fanno pensare che, con i prossimi esercizi di stile, arriverà anche la giusta maturità di scrittura, perché i semi sembrano esserci tutti.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…