Passa ai contenuti principali

Pappa al pomodoro di Anja Massetani


Spesso si dice che non si torna indietro nemmeno per prendere la rincorsa.
Ma se indietro abbiamo lasciato un pezzo della nostra vita, forse è giusto fare un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio.
Così, quando a Cosimo Pacini si presenta l'occasione di tornare finalmente a Firenze per occuparsi del ristorante dello zio appena defunto, lui la coglie. E poco importa se è un pasticciere e là dovrebbe fare il cuoco improvvisato, per di più in un ristorante sull'orlo del fallimento. Lui a Firenze ha lasciato un pezzo di cuore e le origini della sua passione per la cucina sono nate proprio là.

"Pappa al pomodoro. La ricetta del ritorno" di Anja Massetani [Emma Books] è un libro delicato, eppure deciso, come il sapore della pappa al pomodoro.
L'Osteria La Tentazione è da tempo che non è più una tentazione per i suoi clienti, forse soprattutto a causa del caratteraccio di Renzo Pacini, lo zio di Cosimo, improvvisamente deceduto che ha lasciato al nipote lontano una bella gatta da pelare.
Finalmente, Cosimo aveva tra le mani l'occasione di tornare a vivere a Firenze e non poteva buttarla via.
Ma Cosimo ha la buona intuizione di rivolgersi a una azienda di prodotti biologici e lì si imbatte negli occhi incredibilmente verdi di Angelia Giovannelli. Purtroppo Renzo aveva fatto danni pure là e gli inizi della loro conoscenza non sono dei migliori.
La pappa al pomodoro e il desiderio di ridare un futuro all'osteria, però, sono più forti di tutto e tra Angelia e Cosimo sembra instaurarsi una tregua fatta di una sottile e innegabile attrazione.

L'amore, si sa, passa anche attraverso gli odori e i sapori e quelli che iniziano ad uscire dalla cucina della Tentazione, fanno venire l'acquolina in bocca a tutti.
Cosimo torna a casa quando assaggia di nuovo la pappa al pomodoro, stavolta preparata da lui stesso e gli occhi di Angelia gli promettono un nuovo futuro.

Anche questo capitolo del Ricettario del Cuore di Emma Books in occasione di Expo2015 lascia sul palato un sapore dolce, forse un po' malinconico, con nuove e inaspettate declinazioni di gusto che ogni reinterpretazione personale di una ricetta ha.
È il rimedio perfetto per chi ha di fronte un'opportunità inaspettata, sperata, ma anche difficile da gestire. È la ricetta del sogno che si avvera, del ritrovo delle proprie radici, della vita che si completa.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…