Passa ai contenuti principali

Pappa al pomodoro di Anja Massetani


Spesso si dice che non si torna indietro nemmeno per prendere la rincorsa.
Ma se indietro abbiamo lasciato un pezzo della nostra vita, forse è giusto fare un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio.
Così, quando a Cosimo Pacini si presenta l'occasione di tornare finalmente a Firenze per occuparsi del ristorante dello zio appena defunto, lui la coglie. E poco importa se è un pasticciere e là dovrebbe fare il cuoco improvvisato, per di più in un ristorante sull'orlo del fallimento. Lui a Firenze ha lasciato un pezzo di cuore e le origini della sua passione per la cucina sono nate proprio là.

"Pappa al pomodoro. La ricetta del ritorno" di Anja Massetani [Emma Books] è un libro delicato, eppure deciso, come il sapore della pappa al pomodoro.
L'Osteria La Tentazione è da tempo che non è più una tentazione per i suoi clienti, forse soprattutto a causa del caratteraccio di Renzo Pacini, lo zio di Cosimo, improvvisamente deceduto che ha lasciato al nipote lontano una bella gatta da pelare.
Finalmente, Cosimo aveva tra le mani l'occasione di tornare a vivere a Firenze e non poteva buttarla via.
Ma Cosimo ha la buona intuizione di rivolgersi a una azienda di prodotti biologici e lì si imbatte negli occhi incredibilmente verdi di Angelia Giovannelli. Purtroppo Renzo aveva fatto danni pure là e gli inizi della loro conoscenza non sono dei migliori.
La pappa al pomodoro e il desiderio di ridare un futuro all'osteria, però, sono più forti di tutto e tra Angelia e Cosimo sembra instaurarsi una tregua fatta di una sottile e innegabile attrazione.

L'amore, si sa, passa anche attraverso gli odori e i sapori e quelli che iniziano ad uscire dalla cucina della Tentazione, fanno venire l'acquolina in bocca a tutti.
Cosimo torna a casa quando assaggia di nuovo la pappa al pomodoro, stavolta preparata da lui stesso e gli occhi di Angelia gli promettono un nuovo futuro.

Anche questo capitolo del Ricettario del Cuore di Emma Books in occasione di Expo2015 lascia sul palato un sapore dolce, forse un po' malinconico, con nuove e inaspettate declinazioni di gusto che ogni reinterpretazione personale di una ricetta ha.
È il rimedio perfetto per chi ha di fronte un'opportunità inaspettata, sperata, ma anche difficile da gestire. È la ricetta del sogno che si avvera, del ritrovo delle proprie radici, della vita che si completa.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…