Passa ai contenuti principali

Pappa al pomodoro di Anja Massetani


Spesso si dice che non si torna indietro nemmeno per prendere la rincorsa.
Ma se indietro abbiamo lasciato un pezzo della nostra vita, forse è giusto fare un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio.
Così, quando a Cosimo Pacini si presenta l'occasione di tornare finalmente a Firenze per occuparsi del ristorante dello zio appena defunto, lui la coglie. E poco importa se è un pasticciere e là dovrebbe fare il cuoco improvvisato, per di più in un ristorante sull'orlo del fallimento. Lui a Firenze ha lasciato un pezzo di cuore e le origini della sua passione per la cucina sono nate proprio là.

"Pappa al pomodoro. La ricetta del ritorno" di Anja Massetani [Emma Books] è un libro delicato, eppure deciso, come il sapore della pappa al pomodoro.
L'Osteria La Tentazione è da tempo che non è più una tentazione per i suoi clienti, forse soprattutto a causa del caratteraccio di Renzo Pacini, lo zio di Cosimo, improvvisamente deceduto che ha lasciato al nipote lontano una bella gatta da pelare.
Finalmente, Cosimo aveva tra le mani l'occasione di tornare a vivere a Firenze e non poteva buttarla via.
Ma Cosimo ha la buona intuizione di rivolgersi a una azienda di prodotti biologici e lì si imbatte negli occhi incredibilmente verdi di Angelia Giovannelli. Purtroppo Renzo aveva fatto danni pure là e gli inizi della loro conoscenza non sono dei migliori.
La pappa al pomodoro e il desiderio di ridare un futuro all'osteria, però, sono più forti di tutto e tra Angelia e Cosimo sembra instaurarsi una tregua fatta di una sottile e innegabile attrazione.

L'amore, si sa, passa anche attraverso gli odori e i sapori e quelli che iniziano ad uscire dalla cucina della Tentazione, fanno venire l'acquolina in bocca a tutti.
Cosimo torna a casa quando assaggia di nuovo la pappa al pomodoro, stavolta preparata da lui stesso e gli occhi di Angelia gli promettono un nuovo futuro.

Anche questo capitolo del Ricettario del Cuore di Emma Books in occasione di Expo2015 lascia sul palato un sapore dolce, forse un po' malinconico, con nuove e inaspettate declinazioni di gusto che ogni reinterpretazione personale di una ricetta ha.
È il rimedio perfetto per chi ha di fronte un'opportunità inaspettata, sperata, ma anche difficile da gestire. È la ricetta del sogno che si avvera, del ritrovo delle proprie radici, della vita che si completa.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…