Passa ai contenuti principali

Nero Dostoevskij di Antonio Mesisca


La letteratura russa ha sempre posseduto, per me, un fascino irresistibile e, a dir la verità, inspiegabile. 
Irresistibile perché, di fronte a uno dei suoi grandi autori, io mi prostro sempre e finisco per comprare il libro, poi mi ci immergo anche e passo i pomeriggi a snocciolare sulla lingua i patronimici che mi fanno impazzire.
Inspiegabile perché, sinceramente, molte volte non riesco a immedesimarmi nei personaggi, se non per le passioni fortissime, il senso dell'onore radicato o quel misto tra gioia e profondissima malinconia. Non so. Sta di fatto che Dostoesvkij e io ci siamo sempre guardati con rispetto, ma non siamo mai andati oltre letture sporadiche e quasi clandestine.

"Nero Dostoevskij" di Antonio Mesisca (Scrittura & Scritture) ha poco in comune con la letteratura russa, se non forse i sentimenti profondi che suscita nel lettore. Primo fra tutti, il desiderio di dare una bella scrollata a Oscar Peretti, il protagonista della storia ma, soprattutto, l'antagonista di se stesso.
Dalle primissime righe del libro, Oscar vi farà prudere le mani e pian piano capirete che il casino - casino o casinò, visto il vizio del gioco - che è la sua vita ha un senso che quasi sicuramente vi sfuggirà.

Antonio Mesisca costruisce un personaggio negativo in maniera così perfetta che diventa godibile nonostante il fastidio che potrebbe causarvi. Sì, perché Oscar dà fastidio a parecchie persone, forse si dà fastidio anche da solo, ma non riesce a cambiare, se non passando dal peggio al nero più profondo. Nero Dostoevskij, appunto.

Oscar è un uomo che, grazie al matrimonio con una donna di cui ama solo il cospicuo patrimonio, fa la bella vita. Ma, come tutti i dannati dentro, non gli basta. Rincorre i brividi anche mettendo in pericolo la propria vita e se sperate in un pentimento, in un cambiamento di rotta, in qualcosa insomma, siete degli ingenui.

Non lasciatevi ingannare, però. L'autore vuole bene a questo personaggio. Lo testimonia la sua scrittura senza sbavature, netta come il taglio di un bisturi e altrettanto pericolosa. Sì, perché alla fine vi sentirete nei panni di Peretti e vi sembrerà che tutto è concesso per salvarlo/vi.
In fondo, "the dark side of the moon" non è poi così brutto come lo descrivono i moralisti.

E Dostoevskij? Lui è sempre presente, dall'inizio alla fine, in un incastro perfetto e geniale che Antonio Mesisca crea tra il suo romanzo e quelli dello scrittore russo. Un incastro un po' diabolico. E nero, sì, nero come l'inferno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…