Passa ai contenuti principali

Giugno di tempi corti, a volte lunghi ma pieni di cose belle


Le giornate lunghissime di giugno, a volte, sembrano iniziare molto presto e altrettanto presto finire.

Il tempo è quello che viviamo riempiendolo di cose, altrimenti sono solo minuti che vediamo scorrere sul quadrante dell'orologio.

Di cosa ho riempito le mie giornate?

Di sorrisi e di piccole attenzioni, di una tenerezza struggente e di una stanchezza che non sapevo potesse esistere, di gesti da imparare e di gesti da insegnare.
Ho riempito le mie giornate guardando l'amore, quella forma purissima di sentimento che si concretizza solo quando il caso, la fortuna, il destino o Dio - o tutte queste cose insieme - ci mettono lo zampino. Ho riempito le mie giornate con la natura in boccio, con quella sorpresa che nasce solo di fronte a un fiore che ogni giorno aggiunge un petalo alla sua corolla.

E non c'è niente di più bello che rendersi conto che tutti i boccioli sono uguali, per quanto noi che li guardiamo possiamo crederci speciali. Credetemi, non lo siamo. 

È la vita la sola cosa speciale con cui potremo mai confrontarci.


Quando inizia l'estate è sempre tempo di bilanci per me e, pure se ho finito la scuola da secoli, in questo periodo sento sempre nell'aria quell'odore di sole sull'asfalto che sentivo sempre tornando dagli ultimi giorni di scuola, cartella leggera e la tranquillità di aver fatto tutto il possibile, di aver dato il meglio, con la sicurezza di meritare il mare e la spiaggia.

Anche questa volta non riesco a sottrarmi alla resa dei conti del primo semestre della mia vita e la voglia di leggerezza è ancora là, insieme alla sicurezza di meritare il calore del sole sulla pelle e il riverbero del mare negli occhi.

Ho sempre amato i papaveri, quando comparivano nel giardino del liceo, voleva dire che era tempo di leggerezza. Sono giorni che ne vedo nei campi, agli angoli delle stradine di campagna, attorno al lago, e quei petali delicati, mossi da qualsiasi soffio eppure fieri e solidi, sono parentesi di sorriso nei miei pensieri.

Giugno è arrivato e quasi non ci credo che sia passato già metà di quest'anno. Ma va bene così.

Perché, in fondo, quello che auguro a chi amo è di perdere la somma dei giorni in un fluire di emozioni, di felicità senza calendario.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio

Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente. "Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.
Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente?  Isa…

Amo in te di Nazim Hikmet

Amo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco  pieno di sole e sudato affamato infuriato ho la passione del cacciatore per mordere nella tua carne
amo in te l'impossibile ma non la disperazione.
Nazim Hikmet Poesie d'amore Mondadori