Passa ai contenuti principali

Fidanzata di venerdì di Catherine Bybee


Dopo "La moglie del mercoledì" e "Sposata di lunedì", Catherine Bybee torna con un nuovo romance in cui i giorni (dispari) della settimana vanno di pari passo con l'amore.
"Fidanzata di venerdì" [Leggereditore] racconta di Lady Gwen Harrison, la sorella del duca Blake Harrison, protagonista de "La moglie del mercoledì", già apparsa negli altri capitoli della saga ma qui finalmente prende la parola in maniera decisa.

Gwen è attratta da Neil, l'ombra silenziosa che suo fratello le ha messo alle costole come guardia del corpo. Neil è una roccia che non lascia trapelare nessun sentimento e nessuna emozione, ma quella lady inglese bella e ben educata gli rimescola qualcosa in un punto non ben precisato del petto granitico sotto cui ha seppellito il suo cuore.

Come è successo anche per gli altri libri della "serie dei giorni della settimana", Catherine Bybee riesce a mescolare una trama frizzante tipica del romance di largo consumo con un secondo intreccio che tocca corde più profonde, con riflessioni che attengono alla psicologia ben costruita dei personaggi e, in questo caso, anche con un pizzico di suspense tipica del thriller.

"Fidanzata di venerdì" è un godibilissimo romance perfetto per passare qualche ora in compagnia di qualche brivido, sia di passione che di tensione.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio

Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente. "Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.
Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente?  Isa…

Amo in te di Nazim Hikmet

Amo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco  pieno di sole e sudato affamato infuriato ho la passione del cacciatore per mordere nella tua carne
amo in te l'impossibile ma non la disperazione.
Nazim Hikmet Poesie d'amore Mondadori