Passa ai contenuti principali

Fidanzata di venerdì di Catherine Bybee


Dopo "La moglie del mercoledì" e "Sposata di lunedì", Catherine Bybee torna con un nuovo romance in cui i giorni (dispari) della settimana vanno di pari passo con l'amore.
"Fidanzata di venerdì" [Leggereditore] racconta di Lady Gwen Harrison, la sorella del duca Blake Harrison, protagonista de "La moglie del mercoledì", già apparsa negli altri capitoli della saga ma qui finalmente prende la parola in maniera decisa.

Gwen è attratta da Neil, l'ombra silenziosa che suo fratello le ha messo alle costole come guardia del corpo. Neil è una roccia che non lascia trapelare nessun sentimento e nessuna emozione, ma quella lady inglese bella e ben educata gli rimescola qualcosa in un punto non ben precisato del petto granitico sotto cui ha seppellito il suo cuore.

Come è successo anche per gli altri libri della "serie dei giorni della settimana", Catherine Bybee riesce a mescolare una trama frizzante tipica del romance di largo consumo con un secondo intreccio che tocca corde più profonde, con riflessioni che attengono alla psicologia ben costruita dei personaggi e, in questo caso, anche con un pizzico di suspense tipica del thriller.

"Fidanzata di venerdì" è un godibilissimo romance perfetto per passare qualche ora in compagnia di qualche brivido, sia di passione che di tensione.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…