Passa ai contenuti principali

Leggere in gravidanza: i gusti letterari cambiano?

©Dal mio profilo Instagram [@ramonagran]. È vietata la riproduzione. All rights reserved.

Ho letto di tutto nella mia vita di lettrice.
Non è un vanto, è solo capitato che per studio, per lavoro o per i più diversi interessi che mi hanno catturato negli anni, mi sono ritrovata a non avere pregiudizi nei confronti di nessun genere letterario.

Così come nel corso del tempo ho tranquillamente accettato di aver cambiato gusti letterari, o forse di averli solo arricchiti con generi che prima non avevo mai sperimentato. 
Prova ne siano i gialli e i thriller con spunti noir di fronte ai quali negli ultimi anni non mi sono tirata indietro (complice anche lo scambio di letture e opinioni con mio marito, con cui sono sempre in competizione per il primato di chi a fatto scoprire a chi quel tale scrittore o quella certa saga...).

A questo punto potreste pensare che, grazie a questa mia passione per i libri, con la gravidanza la mia libreria si sia arricchita di numerosi libri sull'argomento. Ebbene, se lo avete pensato, devo smentirvi.
Ho letto un solo libro, che tra l'altro mi è stato regalato e che io probabilmente non avrei pensato di comprare:  "La tua gravidanza di settimana in settimana. Dal concepimento alla nascita" di Lesley Regan [Tecniche Nuove] è sul mio cassettone e, di volta in volta, lo sfoglio in cerca di rassicurazione per un dubbio o una nuova fonte di ansia che mi è sorta all'improvviso (sì, mi capita di essere assalita da ansie fantascientifiche) e poi lo passo a mio marito per far leggere anche a lui nel caso la mia capacità di comprensione dell'italiano si fosse azzerata di colpo (non vi dico come è contento quando mi vede arrivare con quel librone di circa 5 kg in braccio...).

Non ho curiosità verso le numerosissime pubblicazioni che sono in giro sull'argomento, vi dico la verità. Non sono interessata a conoscere tutte le teorie esistenti sui vantaggi dell'alimentazione o sugli svantaggi dello sport in gravidanza, non mi attraggono le opinioni dei luminari sulla migliore moda comoda col pancione né sulla crescita miracolosa di unghie e capelli durante i nove mesi. Mi sono informata il giusto per me, anche perché ho notato che più scavo a fondo sull'argomento e maggiori preoccupazioni insorgono. Sebbene sia sempre stata una persona che vuole sapere tutto di tutto quello che le interessa, e pur interessandomi infinitamente questo mio stato, questa volta ho deciso che, oltre alle spiegazioni scientifiche, voglio lasciare un po' di mistero. Non è facile, in realtà, ma ci sto riuscendo finora.

©Dal mio profilo Instagram [@ramonagran]. È vietata la riproduzione. All rights reserved.

I miei gusti letterari sono cambiati? 
Provo ribrezzo di fronte ad una descrizione particolarmente cruenta 
e cerco solo storie d'amore a lieto, lietissimo fine?

Non sono arrivata a tanto, o almeno, non ancora. Ho notato, però, che cerco maggiormente letture che mi coccolino, storie piene di sentimenti grandi, non per forza storie d'amore, romance.
Cerco nelle storie quelle sensazioni universali che aprono il cuore e la mente e divoro con famelico piacere libri la cui scrittura riesce a coinvolgermi al di là di qualsiasi cosa.

Diciamo che, così come le mie voglie alimentari sono caratterizzate dalla salubrità e dal benessere vitaminico, anche le mie voglie letterarie sono virate decisamente verso la letteratura duratura piuttosto che il fast food del bestseller del momento, verso la grande scrittura di autori che hanno qualcosa da dire e sanno dirlo nel migliore dei modi.

E questa voglia di grande letteratura mi piace. Tanto.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Happy Hour di Mary Miller

Happy hour Mary Miller Edizioni Black Coffee dal 25 maggio in libreria e negli store online
Trama
Dopo il successo del suo romanzo di esordio, Last Days of California, Mary Miller torna con una raccolta di racconti che la riconferma come una delle voci più crude e taglienti della sua generazione di scrittori americani. Ammantato dal fascino proprio del Sud degli Stati Uniti, Happy Hour è un susseguirsi di storie di donne, figure tormentate quanto realistiche, in lotta contro se stesse. Donne che bevono, che dipendono dal sesso; donne che prendono decisioni sbagliate accompagnandosi a uomini che le amano troppo o troppo poco; donne che sono la causa della propria rovina. Su uno sfondo di scialbi distributori di benzina, piscine pubbliche, drive-thru e bettole, ciascun personaggio si trascina dietro il proprio fardello nella ferma convinzione di meritare di meglio. Queste donne cercano comprensione nei luoghi più improbabili: nella casa dei genitori adottivi, dove l’amore è vissuto come in…

Giugno di tempi corti, a volte lunghi ma pieni di cose belle

Le giornate lunghissime di giugno, a volte, sembrano iniziare molto presto e altrettanto presto finire.
Il tempo è quello che viviamo riempiendolo di cose, altrimenti sono solo minuti che vediamo scorrere sul quadrante dell'orologio.
Di cosa ho riempito le mie giornate?
Di sorrisi e di piccole attenzioni, di una tenerezza struggente e di una stanchezza che non sapevo potesse esistere, di gesti da imparare e di gesti da insegnare. Ho riempito le mie giornate guardando l'amore, quella forma purissima di sentimento che si concretizza solo quando il caso, la fortuna, il destino o Dio - o tutte queste cose insieme - ci mettono lo zampino. Ho riempito le mie giornate con la natura in boccio, con quella sorpresa che nasce solo di fronte a un fiore che ogni giorno aggiunge un petalo alla sua corolla.
E non c'è niente di più bello che rendersi conto che tutti i boccioli sono uguali, per quanto noi che li guardiamo possiamo crederci speciali. Credetemi, non lo siamo. 
È la vita la so…