Passa ai contenuti principali

Segnalazione: Una vita senza vita. Pirandello in cinquant'anni di lettere di Arianna Fioravanti



Una vita senza vita. Pirandello in cinquant'anni di lettere
Arianna Fioravanti
Giulio Perrone Editore


«Io vivo per la gioja di vedere nascere la vita dalle miepagine, togliendola dal mio corpo [...]»

Così scriveva un giovanissimo Pirandello nel 1888, appena ventenne, lontanissimo ancora dalla fama internazionale che ebbe il suo riconoscimento massimo con l’assegnazione del Nobel nel 1934, due anni prima della morte. Eppure tra l’ancora poco conosciuto poeta e"novellaro", come si definì in una lettera del 1904 ad Angiolo Orvieto, e il grande drammaturgo in lingua nazionale, il ricorso continuo alla pagina bianca come elemento vitale rimane costante, non già nell’accezione oggi stereotipata della scrittura come pratica terapeutica, ma in quella più titanica di un flusso, un fiume da alimentare senza riserve con la propria vita, anche a costo di rimanerne senza. Così, nei cinquant’anni che vanno dal 1886 al 1936, Luigi Pirandello riversa in centinaia di lettere la sua biografia, regalandoci un autoritratto vivissimo delle sue vicende artistiche e familiari, dagli spostamenti giovanili tra Palermo, Roma e Bonn agli esili volontari a Berlino prima e Parigi poi, passando per il matrimonio tormentato con Maria Antonietta Portolano e l’amore infelice per la musa Marta Abba.

Arianna Fioravanti si è laureata con lode in Letteratura contemporanea presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Nel 2016 ha ottenuto nello stesso Ateneo il Dottorato di ricerca in Italianistica discutendo una tesi sull’epistolario di Luigi Pirandello. Oltre a interessarsi di drammaturgia insegna italiano agli stranieri.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio

Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente. "Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.
Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente?  Isa…

Amo in te di Nazim Hikmet

Amo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco  pieno di sole e sudato affamato infuriato ho la passione del cacciatore per mordere nella tua carne
amo in te l'impossibile ma non la disperazione.
Nazim Hikmet Poesie d'amore Mondadori