Passa ai contenuti principali

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online


Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potessimo controllare la potenza e l'ampiezza di questo giro di diffusione.


Durante la gravidanza ho iniziato a seguire - e seguo tuttora - profili e pagine di mamme e future mamme con cui ho condiviso virtualmente opinioni e preoccupazioni, e rispetto il loro desiderio di condividere le foto dei loro piccoli fin dalla nascita. Vi scoppia il cuore dalla gioia e vorreste urlarlo al mondo intero! Condividere una, dieci o cento foto è una dimostrazione di gioia e va rispettata.
Ma noi, pur scoppiandoci il cuore, l'anima e la testa per la gioia più immensa che potessimo mai immaginare, abbiamo scelto diversamente.
Non pensate, però, che lesiniamo foto e video a nonni, fratelli, sorelle e migliori amici, anzi!

Purtroppo mi sono anche resa conto che può sembrare scortese far cadere nel vuoto le richieste di quei conoscenti o di quei lontani parenti che chiedono - a volte anche insistentemente - una foto, ma trovo più scortese chiedere qualcosa che, a causa della condivisione selvaggia di alcuni, non è più ritenuta personale. Sì, perché per me una foto che ritrae chi amo è qualcosa di personale.
Tuttavia, né io né mio marito abbiamo resistito e abbiamo pubblicato le classiche foto di manine e piedini, come potete vedere nelle immagini di questo post!

Condividere le foto dei bambini appena nati, anche con gli estranei tramite i social, crea una sorta di vicinanza, annulla la solitudine che spesso circonda i neo genitori, tramite complimenti e auguri si sentono vicine centinaia di persone che nella vita reale sono ben lontane da noi.
Noi abbiamo scelto, in questo senso, di condividere la nostra gioia solo con chi ci è vicino davvero e di creare nuove vicinanze proprio con chi, per affetto o per curiosità, verrà a trovarci nella vita reale.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…