Passa ai contenuti principali

Io leggo...


Io leggo. 
E tanto, anche.
Qui cercherò di tenere il conto dei libri che ho letto dall'inizio del 2014 - o meglio, quelli che mi sono ricordata scrivendo, sicuramente ne ho saltato qualcuno - ma so già che non ci riuscirò, quindi non mi dite niente.

Mi piace l'idea di poter condividere la mia libreria ***una minimissima parte, in realtà*** perché così mi sembra veramente che possiate leggermi nel pensiero ***una minimissima parte del marasma che  ho in testa, a dirla tutta***.

Tenete d'occhio questa pagina perché sarà in continuo aggiornamento, anche per le recensioni che man mano scriverò.

Gli occhi gialli dei coccodrilli di Kathrine Pancol.
Il valzer lento delle tartarughe di Kathrine Pancol.
Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il  lunedì di Kathrine Pancol.
Buio di Maurizio de Giovanni.
Le geometrie dell'animo omicida di Monica Bartolini.
Sento la neve cadere di Domenico Infante.
Tutti gli amici di Anna di Enrico Pennino.
La gente felice legge e beve caffè di Agnès Martin-Lugand.
Adesso altre pecore di Enrico Careri.
Teresa e la luna di Carla Marcone.
Il metodo della bomba atomica di Noemi Cuffia.
Malinverno di Fabio Lubrano.
Wife withe benefits di Cecile Berthod.
L'assistente ideale di Cecile Berthod.
Il gangster dei miei sogni di Cecile Berthod.
Come prima di Maria Venturi.
Le scarpe son desideri di Mara Roberti.
Mariti in salsa web di Viola Veloce.
Cara cognata, ti odio! di Corinne Savarese.
Un giorno da favola di Fabiola D'Amico.
All'improvviso la felicità di J. Courtney Sullivan.
Un giorno, forse di Lauren Graham.
Dove le strade non hanno nome di Angelo Carotenuto.
Trent'anni e li dimostro di Amabile Giusti.
L'orgoglio dei Richmond di Amabile Giusti.
Vacanze da Tiffany di Francesca Baldacci.
Palazzo d'Inverno di Francesca Rossi.
Mi arrivi come da un sogno di Diego Galdino.
La ragazza del 6E di A.R. Torre.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Happy Hour di Mary Miller

Happy hour Mary Miller Edizioni Black Coffee dal 25 maggio in libreria e negli store online
Trama
Dopo il successo del suo romanzo di esordio, Last Days of California, Mary Miller torna con una raccolta di racconti che la riconferma come una delle voci più crude e taglienti della sua generazione di scrittori americani. Ammantato dal fascino proprio del Sud degli Stati Uniti, Happy Hour è un susseguirsi di storie di donne, figure tormentate quanto realistiche, in lotta contro se stesse. Donne che bevono, che dipendono dal sesso; donne che prendono decisioni sbagliate accompagnandosi a uomini che le amano troppo o troppo poco; donne che sono la causa della propria rovina. Su uno sfondo di scialbi distributori di benzina, piscine pubbliche, drive-thru e bettole, ciascun personaggio si trascina dietro il proprio fardello nella ferma convinzione di meritare di meglio. Queste donne cercano comprensione nei luoghi più improbabili: nella casa dei genitori adottivi, dove l’amore è vissuto come in…

Giugno di tempi corti, a volte lunghi ma pieni di cose belle

Le giornate lunghissime di giugno, a volte, sembrano iniziare molto presto e altrettanto presto finire.
Il tempo è quello che viviamo riempiendolo di cose, altrimenti sono solo minuti che vediamo scorrere sul quadrante dell'orologio.
Di cosa ho riempito le mie giornate?
Di sorrisi e di piccole attenzioni, di una tenerezza struggente e di una stanchezza che non sapevo potesse esistere, di gesti da imparare e di gesti da insegnare. Ho riempito le mie giornate guardando l'amore, quella forma purissima di sentimento che si concretizza solo quando il caso, la fortuna, il destino o Dio - o tutte queste cose insieme - ci mettono lo zampino. Ho riempito le mie giornate con la natura in boccio, con quella sorpresa che nasce solo di fronte a un fiore che ogni giorno aggiunge un petalo alla sua corolla.
E non c'è niente di più bello che rendersi conto che tutti i boccioli sono uguali, per quanto noi che li guardiamo possiamo crederci speciali. Credetemi, non lo siamo. 
È la vita la so…