Passa ai contenuti principali

Io sono...


Mi chiamo Raimonda, ma sono Ramona. 

Tutte e due nasciamo all’ombra del Vesuvio e, fin da subito, siamo costrette a vivere con la doppia natura del nome, nordica e mediterranea. 
Fedele a tutte e due, sono laureata in Lingue e Letterature Straniere, scegliendo l’inglese, per dare da mangiare alla fame del nord Europa, e lo spagnolo, per sentirmi ancora la lava del Vesuvio nelle vene.

Tra tutte, alla fine, ha vinto la passione per l’America, grazie alla quale ho dato alla luce una tesi su Paul Auster e New York. E ne vado fiera come di un figlio bello, simpatico e pieno di amore per la mamma!

Da piccola volevo fare la scrittrice e da grande mi sono trovata a fare la giornalista, giusto per sfogare la voglia perenne di avere a che fare con le parole. Che quando non le scrivo, continuano a passeggiarmi nella testa, sotto forma di versi, frasi, ritornelli...

Ho un romanzo nel cassetto, forse addirittura più di uno, con contorno di tanti racconti e altri progetti. Tra cui quello di costruire un cassetto più grande.

Quando ero piccola il mio sogno di viaggio era Londra. Quando poi ci sono andata, ho capito che il mio sogno era il viaggio e da allora non ho più smesso. 

Né di sognare, né di viaggiare. 

Il mio viaggio del cuore è stato a Parigi. Il viaggio del cuore del mio cuore è stato a New York.
Il viaggio che ancora devo fare è quello che aspetto con più trepidazione...

Leggimi nel pensiero è la stanza dove torno quando voglio staccare dalla realtà e mettere nero su bianco la "mia" realtà più bella, fatta di libri, di persone che incontro, di cose che penso.
Era nato come un blog in cui avrei voluto parlare di libri ed è diventato molto di più: una porta per far entrare e uscire cose belle. Belle per me, almeno.

Riassumendo.

Io sono Ramona e scrivo.

Voi, se avete voglia, leggetemi (nel pensiero)!

Commenti

  1. Bellissima presentazione, complimenti! E complimenti anche per le cose belle che condividi con noi che leggiamo...

    RispondiElimina
  2. Quindi pensi utilizzando le parole, come fa un pittore mentre dipinge e forse, hai gli appetiti di una visionaria.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Happy Hour di Mary Miller

Happy hour Mary Miller Edizioni Black Coffee dal 25 maggio in libreria e negli store online
Trama
Dopo il successo del suo romanzo di esordio, Last Days of California, Mary Miller torna con una raccolta di racconti che la riconferma come una delle voci più crude e taglienti della sua generazione di scrittori americani. Ammantato dal fascino proprio del Sud degli Stati Uniti, Happy Hour è un susseguirsi di storie di donne, figure tormentate quanto realistiche, in lotta contro se stesse. Donne che bevono, che dipendono dal sesso; donne che prendono decisioni sbagliate accompagnandosi a uomini che le amano troppo o troppo poco; donne che sono la causa della propria rovina. Su uno sfondo di scialbi distributori di benzina, piscine pubbliche, drive-thru e bettole, ciascun personaggio si trascina dietro il proprio fardello nella ferma convinzione di meritare di meglio. Queste donne cercano comprensione nei luoghi più improbabili: nella casa dei genitori adottivi, dove l’amore è vissuto come in…

Giugno di tempi corti, a volte lunghi ma pieni di cose belle

Le giornate lunghissime di giugno, a volte, sembrano iniziare molto presto e altrettanto presto finire.
Il tempo è quello che viviamo riempiendolo di cose, altrimenti sono solo minuti che vediamo scorrere sul quadrante dell'orologio.
Di cosa ho riempito le mie giornate?
Di sorrisi e di piccole attenzioni, di una tenerezza struggente e di una stanchezza che non sapevo potesse esistere, di gesti da imparare e di gesti da insegnare. Ho riempito le mie giornate guardando l'amore, quella forma purissima di sentimento che si concretizza solo quando il caso, la fortuna, il destino o Dio - o tutte queste cose insieme - ci mettono lo zampino. Ho riempito le mie giornate con la natura in boccio, con quella sorpresa che nasce solo di fronte a un fiore che ogni giorno aggiunge un petalo alla sua corolla.
E non c'è niente di più bello che rendersi conto che tutti i boccioli sono uguali, per quanto noi che li guardiamo possiamo crederci speciali. Credetemi, non lo siamo. 
È la vita la so…